Welcome!

@CloudExpo Authors: Liz McMillan, Zakia Bouachraoui, Yeshim Deniz, Pat Romanski, Elizabeth White

News Feed Item

Le due rivoluzioni di i'm in anteprima mondiale al CES 2013 di Las Vegas: la nuova versione di i'm Watch e il lancio di i'm Here

LAS VEGAS, January 8, 2013 /PRNewswire/ --

L'azienda italiana i'm, dopo l'incredibile successo riscontrato l'anno scorso con la presentazione in anteprima mondiale di i'm Watch - il primo smartwatch inventato al mondo e diventato un oggetto cult per gli amanti della tecnologia - ritorna a Las Vegas con grandi novità che rivoluzioneranno il mondo della comunicazione tecnologica: la nuova versione di i'm Watch e il lancio di un nuovo prodotto, i'm here. La presentazione è avvenuta martedì 8 gennaio 2013 al CES di Las Vegas, la fiera-evento più importante al mondo dedicata alla tecnologia, all'elettronica, al design e all'innovazione dove i'm era una tra le poche aziende italiane presenti. Tecnologia e design Made in Italy dei prodotti i'm, sono stati ancora una volta protagonisti in America.

     (Photo: http://photos.prnewswire.com/prnh/20130108/586517 )

Tra le molte ed attesissime novità per i'm Watch, la presentazione ufficiale del nuovo sistema operativo i'm Droid 2, la versione custom di Android sviluppata dagli ingegneri di i'm per lo smartwatch che è diventato un gioiello tecnologico da polso dal design e tecnologia italiani. Evoluzioni che sono il frutto di un anno di ricerca e hanno portato allo sviluppo di i'm Droid 2 che è scaricabile su http://www.imsmart.com.

Altre importanti novità e nuove funzioni per i'm Droid 2 saranno presentate al Mobile World Congress di Barcellona a cui l'azienda parteciperà dal 25 al 28 febbraio 2013. "Evolution takes its byte!".

Questo nuovo sistema operativo presenta delle rivoluzioni come: Smart tethering che minimizza i consumi della batteria, i'm Cloud, i'music che consente l'ascolto di milioni di canzoni on-demand, i'mages la rivoluzionaria applicazione che permette allo smartphone di diventare "l'occhio" di i'm Watch, trasformandolo in una fotocamera;  i'market centinaia di app pronte per essere scaricate ed installate per tempo libero, giochi, ufficio, utilità, musica, e molto altro qui nel comunicato stampa.

I lettori, in occasione di questo grande lancio, possono usufruire di un promocode di 50 € da usare nello store online http://www.imsmart.com (promocode IMWATCH2013 valido fino al 20 gennaio 2013)

Altra grande novità è i'm Here. Manuel Zanella, già inventore di i'm Watch e Massimiliano Bertolini, socio e sales director, che sono stati al CES insieme ad Ennio Doris, partner finanziario del progetto i'm Watch, vogliono essere fautori di una nuova "filosofia" che porti nella vita di tutti i giorni il concetto dello Smart Living, ovvero una serie di moderne tecnologie e devices che possano portare ad un miglioramento della gestione della propria quotidianità. Per questo, in occasione del CES e insieme a tutte queste novità, i'm presenterà in anteprima mondiale i'm Here, il più piccolo, bello e sofisticato tracker GPS che si preannuncia essere una grande innovazione perché "Smart Living" vuol dire anche "Safe Living". i'm Here è il primo geolocalizzatore che segnala la propria posizione e quella di altre persone e ha al suo interno una SIM card, realizzata grazie ad una joint venture con un'altra società del gruppo, Zeromobile. i'm Here è un tracker GPS da indossare in grado di identificare la propria posizione geografica quella di altre persone e soprattutto in caso di pericolo permette di inviare, premendo solamente un tasto, una chiamata SOS. Avere il proprio tracking geografico o quello di una persona cara è l'ideale in diverse situazioni di rischio che possono accadere nella vita di tutti i giorni: per le mamme terrorizzate di perdere i propri figli al mare, al centro commerciale o in montagna durante un'escursione; per le persone che fanno sport estremi come l'alpinismo o il paracadutismo; per i malati affetti da patologie che provocano disfunzioni sensoriali come la perdita dell'orientamento e della cognizione dello spazio in cui si trovano. E così basterà connettersi e in poco tempo si traccerà il punto esatto di dove si trova la persona che stiamo cercando. In caso di pericolo per noi stessi un semplice tasto farà inviare una chiamata SOS a qualcuno da noi preselezionato. Anche il design è innovativo, questo nuovo dispositivo ha tutte le carte in regola per diventare un nuovo e comodissimo accessorio fashion: oltre ad essere incredibilmente piccolo e portatile, i'm Here è anche indossabile. Si può mettere al polso grazie al suo cinturino o agganciarlo alla giacca, tenerlo nello zaino o nella borsa e portarlo comodamente sempre con sé. Per i bimbi saranno disponibili dei modelli ergonomici dai colori divertentissimi pensati proprio per loro.


Per ulteriori informazioni: http://www.imsmart.com

More Stories By PR Newswire

Copyright © 2007 PR Newswire. All rights reserved. Republication or redistribution of PRNewswire content is expressly prohibited without the prior written consent of PRNewswire. PRNewswire shall not be liable for any errors or delays in the content, or for any actions taken in reliance thereon.

CloudEXPO Stories
With more than 30 Kubernetes solutions in the marketplace, it's tempting to think Kubernetes and the vendor ecosystem has solved the problem of operationalizing containers at scale or of automatically managing the elasticity of the underlying infrastructure that these solutions need to be truly scalable. Far from it. There are at least six major pain points that companies experience when they try to deploy and run Kubernetes in their complex environments. In this presentation, the speaker will detail these pain points and explain how cloud can address them.
The deluge of IoT sensor data collected from connected devices and the powerful AI required to make that data actionable are giving rise to a hybrid ecosystem in which cloud, on-prem and edge processes become interweaved. Attendees will learn how emerging composable infrastructure solutions deliver the adaptive architecture needed to manage this new data reality. Machine learning algorithms can better anticipate data storms and automate resources to support surges, including fully scalable GPU-centric compute for the most data-intensive applications. Hyperconverged systems already in place can be revitalized with vendor-agnostic, PCIe-deployed, disaggregated approach to composable, maximizing the value of previous investments.
When building large, cloud-based applications that operate at a high scale, it's important to maintain a high availability and resilience to failures. In order to do that, you must be tolerant of failures, even in light of failures in other areas of your application. "Fly two mistakes high" is an old adage in the radio control airplane hobby. It means, fly high enough so that if you make a mistake, you can continue flying with room to still make mistakes. In his session at 18th Cloud Expo, Lee Atchison, Principal Cloud Architect and Advocate at New Relic, discussed how this same philosophy can be applied to highly scaled applications, and can dramatically increase your resilience to failure.
Machine learning has taken residence at our cities' cores and now we can finally have "smart cities." Cities are a collection of buildings made to provide the structure and safety necessary for people to function, create and survive. Buildings are a pool of ever-changing performance data from large automated systems such as heating and cooling to the people that live and work within them. Through machine learning, buildings can optimize performance, reduce costs, and improve occupant comfort by sharing information within the building and with outside city infrastructure via real time shared cloud capabilities.
As Cybric's Chief Technology Officer, Mike D. Kail is responsible for the strategic vision and technical direction of the platform. Prior to founding Cybric, Mike was Yahoo's CIO and SVP of Infrastructure, where he led the IT and Data Center functions for the company. He has more than 24 years of IT Operations experience with a focus on highly-scalable architectures.