Welcome!

@CloudExpo Authors: Stefana Muller, Pat Romanski, Karthick Viswanathan, Elizabeth White, Zakia Bouachraoui

News Feed Item

L'attenzione rivolta da CDNetworks alle soluzioni per l'accelerazione dei contenuti dinamici e ai mercati emergenti nel 2012 da buoni frutti con una crescita del 52% in prenotazioni di nuovi marchi

Nel 2012 CDNetworks ha registrato un aumento delle entrate mensili ricorrenti generate da nuovi clienti, complessivamente negli Stati Uniti e in Europa, nella misura del 52% rispetto al 2011.Le soluzioni per l'accelerazione di contenuti dinamici e China Acceleration erano incluse nelle entrate mensili ricorrenti generate da nuovi clienti nella misura del 74% e del 62% rispettivamente.CDNetworks ha inoltre aggiunto più di 40 punti di presenza, portando il numero totale a 140 a livello mondiale, compresi Russia, Medio Oriente, Africa, Sud America e Asia, permettendo ai clienti di plasmare nuovi mercati e offrire la stessa esperienza utente a prescindere dall'ubicazione geografica di clienti e dipendenti.

“I nostri clienti si stanno rendendo conto sempre più del valore dell'accelerazione dei loro contenuti dinamici e delle loro applicazioni basate su cloud”, ha affermato Jeff Kim, presidente e direttore operativo di CDNetworks per le regioni Americhe ed EMOA.“Grazie a Dynamic Web Acceleration di CDNetworks, i nostri clienti sono riusciti a ridurre i tempi di caricamento di applicazioni web e cloud da una media di 25 secondi in località remote a 3 secondi e a ridurre i tempi di trasmissione di contenuti dinamici in media del 300%. Il tutto senza costruire nuovi centri dati e senza co-localizzazione dei server”.

Nel 2012 sono stati acquisiti ottantotto nuovi marchi, tra cui SaxoBank, Thomsons Online Benefits, Demandware, Phillips Van-Heusen e l'azienda tecnologica tedesca TuneUp.

“Per le aziende basate su internet, problemi di velocità e latenza sono inaccettabili”, ha dichiarato Matthias Spörlein, direttore della divisione Sviluppo web presso TuneUp.“Se le pagine non si caricano nel giro di un paio di secondi o gli scaricamenti divengono laboriosi, la gente non sta ad aspettare e questo è per noi inaccettabile e quindi non rappresenta un’opzione.La soluzione di CDNetworks Dynamic Web Acceleration permette di espanderci ovunque nel mondo con prestazioni web ottimali”.

Molti clienti preesistenti hanno anch'essi aggiunto Dynamic Web Acceleration, tra cui la società spagnola Grupo Transhotel.“In termini puri e semplici, non potevamo permettere che il nostro servizio fosse ostacolato da problemi di velocità o latenza; desideravamo preservare i nostri elevati livelli di servizi e accertarci di non compromettere le nostre attività o quelle dei nostri clienti”, ha affermato Francisco Javier Diéguez, responsabile della divisione Architettura e Infrastruttura presso Transhotel.

Tra le altre importanti pietre miliari del 2102 merita menzione l'ottenimento, per il secondo anno, della certificazione PCI-DSS, volta ad accertare la conformità allo standard delle misure adottate per garantire la sicurezza dei dati.Il lancio di Russia Acceleration nell'ottobre del 2012 ha generato 13 punti di presenza e competenze locali in Russia.CDNetworks ha continuato ad ampliare la propria presenza nel mercato in tutta Europa con l'apertura di nuove sedi aziendali in Francia e in Germania.

Informazioni su CDNetworks

CDNetworks permette l'accelerazione globale del cloud.La missione di CDNetworks consiste nel trasformare internet in una rete di trasmissione di applicazioni sicura, affidabile, scalabile e ad alte prestazioni.Quale unica rete multinazionale di distribuzione di contenuti con competenze e infrastrutture in Cina, in Russia e in altri mercati emergenti, CDNetworks è in grado di proporsi come partner di fiducia nei mercati locali, nonché come massimo esperto per quel che concerne l'espansione nei mercati globali.CDNetworks ha accelerato più di 17.500 siti web globali e servizi basati sul cloud tramite i suoi 140 punti di presenza e serve clienti operanti online in vari settori, tra cui finanza, viaggi, commercio elettronico, gestione dell'apprendimento, high tech, produzione industriale e media.CDNetworks fornisce servizi ai propri clienti aziendali da più di 13 anni e possiede uffici negli Stati Uniti, in Corea, in Cina, in Giappone e nel Regno Unito. Per ulteriori informazioni visitare il sito http://www.cdnetworks.com.

Il testo originale del presente annuncio, redatto nella lingua di partenza, è la versione ufficiale che fa fede. Le traduzioni sono offerte unicamente per comodità del lettore e devono rinviare al testo in lingua originale, che è l'unico giuridicamente valido.

More Stories By Business Wire

Copyright © 2009 Business Wire. All rights reserved. Republication or redistribution of Business Wire content is expressly prohibited without the prior written consent of Business Wire. Business Wire shall not be liable for any errors or delays in the content, or for any actions taken in reliance thereon.

CloudEXPO Stories
Containers, microservices and DevOps are all the rage lately. You can read about how great they are and how they’ll change your life and the industry everywhere. So naturally when we started a new company and were deciding how to architect our app, we went with microservices, containers and DevOps. About now you’re expecting a story of how everything went so smoothly, we’re now pushing out code ten times a day, but the reality is quite different.
The hierarchical architecture that distributes "compute" within the network specially at the edge can enable new services by harnessing emerging technologies. But Edge-Compute comes at increased cost that needs to be managed and potentially augmented by creative architecture solutions as there will always a catching-up with the capacity demands. Processing power in smartphones has enhanced YoY and there is increasingly spare compute capacity that can be potentially pooled. Uber has successfully been able to harness the excess capacity of privately owned vehicles and turned into a meaningful business. This concept can be step-functioned to harnessing the spare compute capacity of smartphones that can be orchestrated by MEC to provide cloud service at the edge.
Using new techniques of information modeling, indexing, and processing, new cloud-based systems can support cloud-based workloads previously not possible for high-throughput insurance, banking, and case-based applications. In his session at 18th Cloud Expo, John Newton, CTO, Founder and Chairman of Alfresco, described how to scale cloud-based content management repositories to store, manage, and retrieve billions of documents and related information with fast and linear scalability. He addressed the challenges of scaling document repositories to this level; architectural approaches for coordinating data; search and storage technologies, Solr, and Amazon storage and database technologies; the breadth of use cases that modern content systems need to support; how to support user applications that require subsecond response times.
When building large, cloud-based applications that operate at a high scale, it’s important to maintain a high availability and resilience to failures. In order to do that, you must be tolerant of failures, even in light of failures in other areas of your application. “Fly two mistakes high” is an old adage in the radio control airplane hobby. It means, fly high enough so that if you make a mistake, you can continue flying with room to still make mistakes. In his session at 18th Cloud Expo, Lee Atchison, Principal Cloud Architect and Advocate at New Relic, will discuss how this same philosophy can be applied to highly scaled applications, and can dramatically increase your resilience to failure.
While some developers care passionately about how data centers and clouds are architected, for most, it is only the end result that matters. To the majority of companies, technology exists to solve a business problem, and only delivers value when it is solving that problem. 2017 brings the mainstream adoption of containers for production workloads. In his session at 21st Cloud Expo, Ben McCormack, VP of Operations at Evernote, discussed how data centers of the future will be managed, how the public cloud best suits your organization, and what the future holds for operations and infrastructure engineers in a post-container world. Is a serverless world inevitable?